Warning: include(../temi/company/topric.inc) [function.include]: failed to open stream: No such file or directory in /home/infoagro/studiaremeglio/Latino/header.inc on line 8

Warning: include() [function.include]: Failed opening '../temi/company/topric.inc' for inclusion (include_path='.:/usr/local/php5.3/lib/php') in /home/infoagro/studiaremeglio/Latino/header.inc on line 8

 Ab Urbe Condita - Liber XXI - 27,28,29,30

Testo originale
[27] Iamque omnibus satis comparatis ad traiciendum terrebant ex aduerso hostes omnem ripam equites uirique obtinentes. Quos ut auerteret, Hannonem Bomilcaris filium uigilia prima noctis cum parte copiarum, maxime Hispanis, aduerso flumine ire iter unius diei iubet et, ubi primum possit quam occultissime traiecto amni, circumducere agmen ut cum opus facto sit adoriatur ab tergo hostes. Ad id dati duces Galli edocent inde milia quinque et uiginti ferme supra paruae insulae circumfusum amnem latiore ubi diuidebatur eoque minus alto alueo transitum ostendere. Ibi raptim caesa materia ratesque fabricatae in quibus equi uirique et alia onera traicerentur. Hispani sine ulla mole in utres uestimentis coniectis ipsi caetris superpositis incubantes flumen tranauere. Et alius exercitus ratibus iunctis traiectus, castris prope flumen positis, nocturno itinere atque operis labore fessus quiete unius diei reficitur, intento duce ad consilium opportune exsequendum. Postero die profecti, ex loco edito fumo significant transisse et haud procul abesse; quod ubi accepit Hannibal, ne tempori deesset dat signum ad traiciendum. Iam paratas aptatasque habebat pedes lintres, eques fere propter equos naves. Nauium agmen ad excipiendum aduersi impetum fluminis parte superiore transmittens tranquillitatem infra traicientibus lintribus praebebat; equorum pars magna nantes loris a puppibus trahebantur, praeter eos quos instratos frenatosque ut extemplo egresso in ripam equiti usui essent imposuerant in naues.

[28]
Galli occursant in ripa cum uariis ululatibus cantuque moris sui, quatientes scuta super capita uibrantesque dextris tela, quamquam et ex aduerso terrebat tanta uis nauium cum ingenti sono fluminis et clamore uario nautarum militumque, et qui nitebantur perrumpere impetum fluminis et qui ex altera ripa traicientes suos hortabantur. Iam satis pauentes aduerso tumultu terribilior ab tergo adortus clamor, castris ab Hannone captis. Mox et ipse aderat ancepsque terror circumstabat, et e nauibus tanta ui armatorum in terram euadente et ab tergo improuisa premente acie. Galli postquam utroque uim facere conati pellebantur, qua patere uisum maxime iter perrumpunt trepidique in uicos passim suos diffugiunt. Hannibal ceteris copiis per otium traiectis spernens iam Gallicos tumultus castra locat. Elephantorum traiciendorum uaria consilia fuisse credo; certe uariata memoria actae rei. Quidam congregatis ad ripam elephantis tradunt ferocissimum ex iis inritatum ab rectore suo, cum refugientem in aquam nantem sequeretur, traxisse gregem, ut quemque timentem altitudinem destitueret uadum, impetu ipso fluminis in alteram ripam rapiente. Ceterum magis constat ratibus traiectos; id ut tutius consilium ante rem foret, ita acta re ad fidem pronius est. Ratem unam ducentos longam pedes, quinquaginta latam a terra in amnem porrexerunt, quam, ne secunda aqua deferretur, pluribus ualidis retinaculis parte superiore ripae religatam pontis in modum humo iniecta constrauerunt ut beluae audacter uelut per solum ingrederentur. Altera ratis aeque lata, longa pedes centum, ad traiciendum flumen apta, huic copulata est; tres tum elephanti per stabilem ratem tamquam uiam praegredientibus feminis acti ubi in minorem adplicatam transgressi sunt, extemplo resolutis quibus leuiter adnexa erat uinculis, ab actuariis aliquot nauibus ad alteram ripam pertrahitur; ita primis expositis, alii deinde repetiti ac traiecti sunt. Nihil sane trepidabant, donec continenti uelut ponte agerentur; primus erat pauor cum soluta ab ceteris rate in altum raperentur. Ibi urgentes inter se, cedentibus extremis ab aqua, trepidationis aliquantum edebant donec quietem ipse timor circumspectantibus aquam fecisset. Excidere etiam saeuientes quidam in flumen; sed pondere ipso stabiles, deiectis rectoribus, quaerendis pedetemptim uadis in terram euasere.

[29]
Dum elephanti traiciuntur, interim Hannibal Numidas equites quingentos ad castra Romana miserat speculatum ubi et quantae copiae essent et quid pararent. Huic alae equitum missi, ut ante dictum est, ab ostio Rhodani trecenti Romanorum equites occurrunt. Proelium atrocius quam pro numero pugnantium editur; nam praeter multa uolnera caedes etiam prope par utrimque fuit, fugaque et pauor Numidarum Romanis iam admodum fessis uictoriam dedit. Victores ad centum sexaginta, nec omnes Romani sed pars Gallorum, uicti amplius ducenti ceciderunt. Hoc principium simul omenque belli ut summae rerum prosperum euentum, ita haud sane incruentam ancipitisque certaminis uictoriam Romanis portendit. Ut re ita gesta ad utrumque ducem sui redierunt, nec Scipioni stare sententia poterat nisi ut ex consiliis coeptisque hostis et ipse conatus caperet, et Hannibalem, incertum utrum coeptum in Italiam intenderet iter an cum eo qui primus se obtulisset Romanus exercitus manus consereret, auertit a praesenti certamine Boiorum legatorum regulique Magali aduentus, qui se duces itinerum, socios periculi fore adfirmantes, integro bello nusquam ante libatis uiribus Italiam adgrediendam censent. Multitudo timebat quidem hostem nondum oblitterata memoria superioris belli; sed magis iter immensum Alpesque, rem fama utique inexpertis horrendam, metuebat.

[30] Itaque Hannibal, postquam ipsi sententia stetit pergere ire atque Italiam petere, aduocata contione uarie militum uersat animos castigando adhortandoque: mirari se quinam pectora semper impauida repens terror inuaserit. Per tot annos uincentes eos stipendia facere neque ante Hispania excessisse quam omnes gentesque et terrae quas duo diuersa maria amplectantur Carthaginiensium essent. Indignatos deinde quod quicumque Saguntum obsedissent uelut ob noxam sibi dedi postularet populus Romanus, Hiberum traiecisse ad delendum nomen Romanorum liberandumque orbem terrarum. Tum nemini uisum id longum, cum ab occasu solis ad exortus intenderent iter: nunc, postquam multo maiorem partem itineris emensam cernant, Pyrenaeum saltum inter ferocissimas gentes superatum, Rhodanum, tantum amnem, tot milibus Gallorum prohibentibus, domita etiam ipsius fluminis ui traiectum, in conspectu Alpes habeant quarum alterum latus Italiae sit, in ipsis portis hostium fatigatos subsistere, quid Alpes aliud esse credentes quam montium altitudines? Fingerent altiores Pyrenaei iugis: nullas profecto terras caelum contingere nec inexsuperabiles humano generi esse. Alpes quidem habitari, coli, gignere atque alere animantes; peruias paucis esse, esse et exercitibus. Eos ipsos quos cernant legatos non pinnis sublime elatos Alpes transgressos. Ne maiores quidem eorum indigenas sed aduenas Italiae cultores has ipsas Alpes ingentibus saepe agminibus cum liberis ac coniugibus migrantium modo tuto transmisisse. Militi quidem armato nihil secum praeter instrumenta belli portanti quid inuium aut inexsuperabile esse? Saguntum ut caperetur, quid per octo menses periculi, quid laboris exhaustum esse? Romam, caput orbis terrarum, petentibus quicquam adeo asperum atque arduum uideri quod inceptum moretur? Cepisse quondam Gallos ea quae adiri posse Poenus desperet; proinde aut cederent animo atque uirtute genti per eos dies totiens ab se uictae aut itineris finem sperent campum interiacentem Tiberi ac moenibus Romanis.
Traduzione
[27] ANNIBALE INIZIA IL PASSAGGIO
E tutto era ormai bastevolmente preparato per il passaggio; ma recavano terrore i cavalieri e i fanti nemici, che avevano occupato tutta la sponda opposta. Per allontanarli di là Annibale ordina ad Annone figlio di Bomilcare di risalire con una parte dell'esercito, soprattutto composto da Ispani, il fiume, partendo subito dopo il tramonto, per una giornata di marcia, e, appena gli sia possibile, passare con la più grande segretezza il fiume, facendo poi un movimento avvolgente per assalire da tergo, al momento opportuno, il nemico. Le guide galliche dategli a tal fine informano che a circa venticinque miglia verso settentrione il fiume girando intorno a una piccola isola si allarga dividendosi, e che là, essendo il letto perciò meno profondo, offre il passaggio. Colà in gran fretta fu tagliato legname e furon costruite zattere, per il trasporto dei cavalli, degli uomini e degli altri bagagli. Gli Ispani, ficcate senza difficoltà le vesti entro otri, ed essi stessi adagiatisi bocconi su essi con gli scudi, passarono a nuoto la corrente. Il resto dell'esercito, traghettato sulle zattere congiunte, si accampò di là dal fiume, e nel riposo di un giorno solo si ristorò dalle fatiche della marcia notturna e dei lavori compiuti, mentre il comandante studiava il modo di eseguire a puntino il disegno strategico [affidatogli da Annibale]. Partiti di là il giorno seguente, con fumate annunziarono d'essere passati e di non essere lontani. Saputolo, Annibale per non lasciarsi sfuggire l'occasione dà il segnale del passaggio; la fanteria era già pronta ai battelli, la cavalleria, a cagione dei cavalli, su navi. La fila delle navi, attraversando il fiume nella parte superiore sì che riceveva l'urto della corrente, offriva sicurezza ai battelli traghettanti più in basso. Gran parte dei cavalli era trascinata da poppa, a nuoto, per mezzo delle briglie, tranne quelli che erano stati imbarcati sulle navi già sellati e imbrigliati, perché i cavalieri potessero servirsene immediatamente dopo lo sbarco sulla riva.

[28]
PASSAGGIO DEL RODANO. GLI ELEFANTI
Si precipitarono incontro a loro sulla riva i Galli con ululati d'ogni specie e coi loro canti usati, agitando gli scudi sopra le teste e brandendo con le destre le aste, benché pur li atterrisse di fronte quella sì gran folla di navi e con essa il gran rumore del fiume e il vario clamore dei naviganti e dei soldati, di quelli cioè che facevan forza per rompere la corrente e di quelli che dall'altra riva incitavano i compagni al passaggio. E mentre già erano così atterriti dal tumulto di fronte, un clamore più terribile scoppiò alle loro spalle per l'occupazione dell'accampamento fatta da Annone. E questo era ormai vicino, onde duplice era il terrore intorno ad essi, per sì gran quantità di armati sbarcanti dalle navi a terra e per le truppe che improvvisamente li incalzavano alle spalle. I Galli allora, poiché si vedevano respinti da ambe le parti nel loro tentativo di resistenza, fecero irruzione nel punto che loro parve offrir più aperto il varco, e trepidi e confusamente si rifugiarono nei propri villaggi. E Annibale, traghettate pacificamente tutte le altre truppe, noncurando ormai i gallici tumulti, pose l'accampamento.
Quanto al modo di traghettar gli elefanti, credo che se ne adottasse più d'uno; certo, la narrazione di tale impresa è varia. Secondo alcuni, quando gli elefanti furono radunati sulla riva, uno di questi, il più feroce, incitato dal suo custode, spingendosi nell'acqua e proseguendo a nuoto, si trasse dietro tutta la torma, perché, se alcuno di essi sentendosi mancare il terreno sotto i piedi tentava di tornare indietro, la corrente stessa lo trascinava all'altra riva. Ma pare più certo che gli elefanti furono traghettati con imbarcazioni; questo mezzo, come sarebbe stato più prudente nell'atto di iniziare l'operazione, così è più credibile a operazione compiuta. Distesero dunque innanzi, dalla riva nel fiume, una zattera sola lunga duecento piedi e larga cinquanta, e, perché la corrente non la trascinasse in giù, la fissarono con molti saldi legami alla parte più alta della riva, e l'appianarono gettandovi sopra della terra, sì da ottenerne una specie di ponte su cui le belve avanzarono senza paura come sopra la terraferma. A questa zattera ne fu poi congiunta un'altra, larga quanto essa e lunga cento piedi, adatta alla traversata del fiume; allora, come gli elefanti, spinti dietro le femmine sulla zattera fissa come sopra una strada, furono passati sulla zattera più piccola ad essa agganciata, si sciolsero a un tratto i lievi legami di questa, che fu tratta all'altra riva rimorchiata da navi leggere a remi. Sbarcati in questo modo i primi, anche gli altri furono poi similmente presi e traghettati. Non mostravano essi alcuna paura fintanto ch'erano spinti come su un ponte continuo; cominciavano a intimorirsi quando, staccata la zattera, si vedevano trascinati al largo. Là, poiché quelli che erano sugli orli della zattera si ritenevano dallo specchio dell'acqua, si urtavano gli uni contro gli altri determinando alquanta trepidazione, finché la paura stessa, nel vedersi intorno soltanto acqua, li chetava. Alcuni, imbizzarriti, caddero pure in acqua; ma, tenendosi a galla per la loro stessa mole e sbalzati giù i conducenti, con quel cercare con le zampe il fondo giunsero a terra.

[29]
PRIMO SCONTRO
Mentre si traghettavano gli elefanti, Annibale aveva mandato innanzi cinquecento cavalieri numidi verso il campo romano, a indagare dove e quante forze vi fossero, e che cosa preparassero. Contro questo reparto di cavalleria mossero dalla foce del Rodano, come si è detto innanzi,' trecento cavalieri romani. Ne seguì uno scontro più sanguinoso che non comportasse il numero dei combattenti, perché, oltre ai molti feriti, i morti furono quasi eguali da ambe le parti; e la fuga e lo sbigottimento dei Numidi diede la vittoria ai Romani che pure erano già esausti. Dei vincitori caddero circa centoquaranta, non tutti romani ma in parte anche galli; dei vinti più di duecento. E questo inizio, e quasi auspicio, della guerra fece presagire ai Romani che, come l'esito finale di tutta la campagna sarebbe stato felice, così la vittoria sarebbe stata certo non incruenta e lungamente incerta.
Ritornati i reparti, dopo quell'azione, presso i rispettivi comandanti, mentre Scipione non poteva risolversi ad altro che ad agire in dipendenza del piano e delle mosse del nemico, e Annibale era incerto fra il proseguire nell'iniziata marcia contro l'Italia e il dare battaglia a quell'esercito romano che primo gli si era presentato, lo distolse dal pensiero di dare subito battaglia l'arrivo di legati dei Boi e del loro principe Magalo, i quali, mentre dichiararono di voler essergli guida nella sua marcia e compagni nell'impresa, espressero l'opinione che si dovesse assalire l'Italia senza dar battaglia, e senza aver prima in nessun luogo logorate le forze. I soldati poi temevano il nemico per la non ancor cancellata memoria della guerra precedente, ma più paventavano il lunghissimo cammino e le Alpi, impresa che la fama asseriva terrificante, soprattutto per gli inesperti.

[30] DISCORSO DI ANNIBALE ALL'ESERCITO
Annibale perciò, venuto anch'egli nella risoluzione di continuare la marcia e di portarsi in Italia, fatta l'adunata, per diverse vie toccò gli animi dei soldati sì rimproverandoli e sì incuorandoli. Egli si stupiva [disse] del subitaneo sgomento che aveva invaso i loro animi ch'erano stati sempre tanto impavidi. Sempre erano rimasti essi vittoriosi nel loro servizio, né erano usciti dalla Spagna se non quando eran divenute possesso dei Cartaginesi tutte le genti e tutte le terre che eran circondate da due opposti mari. Si erano poi indignati per avere i Romani preteso che fosse loro consegnato come reo chiunque avesse attaccato Sagunto. Avevano passato l'Ebro per distruggere il nome romano e per liberare l'orbe terracqueo. A nessuno di loro era parso lungo il cammino quando avanzavano da occidente verso oriente; ora, mentre vedevano che la parte più lunga del cammino era stata percorsa, che erano stati superati i valichi dei Pirenei passando tra genti ferocissime, che il Rodano, fiume sì grande, nonostante l'opposizione di tante migliaia di Galli, vincendo anche la violenza della sua corrente, era stato varcato, ora, in cospetto delle Alpi, di là dalle quali era l'Italia, si fermavano stanchi, sulle porte stesse del nemico! Che credevano dunque che fossero le Alpi, se non montagne alte? Le immaginassero più alte dei Pirenei; nessuna terra davvero giungeva al cielo né era insuperabile dagli uomini; le Alpi erano anzi abitate e coltivate, producevano e nutrivano esseri viventi, avevano valli accessibili agli eserciti. Anche quei legati stessi che eran lì presenti non certo sollevandosi in alto con ali avevano passato le Alpi! E neppure erano stati indigeni gli antenati di costoro, ma gli abitatori dell'Italia, venuti da fuori, avevano spesso in folte schiere, con mogli e figli, a guisa di emigranti, attraversato quelle stesse Alpi in sicurezza. E che poteva esserci d'impervio e di insuperabile per soldati in armi, carichi dei soli arnesi di guerra? Quali pericoli, quali fatiche non avevano sostenute per otto mesi, per espugnare Sagunto? A chi muoveva contro Roma capo del mondo qual cosa poteva parere tanto dura e tanto ardua da crear ritardo all'opera intrapresa? Eppure i Galli un tempo avevano occupato quei luoghi che i Cartaginesi disperavano di poter raggiungere! Si dichiarassero perciò inferiori d'animo e di valore a una gente che tante volte in quei giorni essi avevano vinta, o si proponessero come termine della loro marcia la campagna che si stendeva fra il Tevere e le mura romane.

Warning: include(../temi/company/botric.inc) [function.include]: failed to open stream: No such file or directory in /home/infoagro/studiaremeglio/Latino/footer.inc on line 2

Warning: include() [function.include]: Failed opening '../temi/company/botric.inc' for inclusion (include_path='.:/usr/local/php5.3/lib/php') in /home/infoagro/studiaremeglio/Latino/footer.inc on line 2