Ricerca

Scrivi almeno 5 parole latine della tua versione
21 Febbraio 2018, 21:36:37 *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: Benvenuti su StudiareMeglio!
 
   Indice   Aiuto Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Help meeee...!!!!  (Letto 3878 volte)
join
Nuovo arrivato
*
Messaggi: 8


luna-13@hotmail.it
Mostra profilo E-mailCagliari
« inserita:: 22 Maggio 2008, 11:24:06 »

I Romani superstiti di Canne pregano Marcello di ottenere dal senato il perdono per loro.
(LIVIO)

Sub haec dicta ad genua Marcelli procubuerunt. Marcellus id nec iuris nec potestatis suae esse dixit; senatui scripturum se omniaque de sententia patrum facturum esse. eae litterae ad novos consules allatae ac per eos in senatu recitatae sunt; consultusque de iis litteris ita decrevit senatus: militibus, qui ad Cannas commilitones suos pugnantes deservissent, senatum nihil videre cur res publica committenda esset. si M. Claudio proconsuli aliter videretur, faceret quod e re publica fideque sua duceret, dum ne quis eorum munere vacaret neu dono militari virtutis ergo donaretur neu in Italiam reportaretur donec hostis in terra Italia esset.

spero possiate aiutarmi è importante.....grazie in anticipo.........ciao
Registrato
admin
Amministratore
Utente storico
*****
Messaggi: Sono un geek!!



Mostra profilo E-mail
« Risposta #1 inserita:: 22 Maggio 2008, 12:17:10 »

http://www.studiaremeglio.it/Latino/I_Romani_superstiti_di_Canne_pregano_Marcello_di_ottenere_dal_senato_il_perdono_per_loro_11500.php

Dopo aver così parlato, si gettarono davanti alle ginocchia di Marcello il quale affermò che su quella questione egli non aveva nè diritto nè potere; avrebbe scritto al senato e poi avrebbe fatto ogni cosa seguendo le decisioni dei senatori. Quelle lettere furono recate ai consoli appena nominati i quali le lessero ad alta voce in senato. Il senato, consultato sulle richieste di quelle lettere, prese queste decisioni: il senato non ravvisava un solo motivo per affidare la repubblica a dei soldati che a Canne avevano abbandonato i propri commilitoni impegnati nel combattimento. Se il proconsole Marco Claudio fosse stato di parere diverso, facesse ciò che riteneva conforme all'interesse della repubblica e alla sua lealtà . In ogni caso nessuno di quei soldati doveva godere di licenze, doveva ricevere qualche decorazione militare al valore o essere ricondotto in Italia, per tutto il tempo che il nemico fosse stato sul territorio italico.
« Ultima modifica: 22 Maggio 2008, 12:21:48 da admin » Registrato
join
Nuovo arrivato
*
Messaggi: 8


luna-13@hotmail.it
Mostra profilo E-mailCagliari
« Risposta #2 inserita:: 22 Maggio 2008, 12:49:48 »

non so davvero come ringraziarti...!!!!!
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.4 | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!