Ricerca

Scrivi almeno 5 parole latine della tua versione
21 Febbraio 2018, 21:38:58 *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: Benvenuti su StudiareMeglio!
 
   Indice   Aiuto Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: HEEELP VESiONE Di LiViO  (Letto 4117 volte)
kia1992
Nuovo arrivato
*
Messaggi: 1


asasas@sasasa.it
Mostra profiloBoH
« inserita:: 09 Settembre 2008, 10:02:22 »

- Si deve combattere per la sopravvivenza di roma -

Scipio,priusquam exercitum in aciem deduceret,apud suos talem orationem habuit:"Novo imperatori apud novos milites pauca dicenda sunt.Nunc cum iis est vobis,milites,pugnandum quos terra marique priore bello vicistis,a quibus stipendium per viginti annos exegistis.Cum iisdem equitibus,cum iisdem peditibus pugnaturi estis.At nunc non est vobis dimicandum pro decore tantum:sed pro salute.Non de possesione Siciliae Sardiniaeque,sed pro ipsa Italia est vobis pugnandum.Nec est alius a tergo exercitus,qui,victis nobis,hosti obsistere possit.Hic igitur est obstandum,milites,velus si ante Romana moenia pugnemus.Unusquisque se non corpus suum,sed coniugem ac liberos parvos armis protegere reputet;nec domesticae curae solum considerandae sunt,sed nobis est cogitandum senatum et totum populum Romanum nunc nostras manus intueri.Nam cogitate,milites,qualis nostra vis virtusque fuerit,talem deinde fortunam Urbis ac Romani imperii futuram esse."
Registrato
seneca
Nuovo arrivato
*
Messaggi: 2


seneca@skuola.it
Mostra profiloAgropoli
« Risposta #1 inserita:: 10 Settembre 2008, 12:13:03 »

Scipio, priusquam exercitum in aciem deduceret, apud suos talem orationem habuit: "Novo imperatori apud novos milites pauca dicenda sunt. Nunc cum iis est vobis, milites, pugnandum quos terra marique priore bello vicistis, a quibus stipendium per viginti annos exegistis. Cum iisdem equitibus, cum iisdem peditibus pugnaturi estis. At nunc non est vobis dimicandum pro decore tantum: sed pro salute. Non de possesione Siciliae Sardiniaeque,sed pro ipsa Italia est vobis pugnandum. Nec est alius a tergo exercitus, qui, victis nobis, hosti obsistere possit. Hic igitur est obstandum, milites, velus si ante Romana moenia pugnemus. Unusquisque se non corpus suum, sed coniugem ac liberos parvos armis protegere reputet; nec domesticae curae solum considerandae sunt,sed nobis est cogitandum senatum et totum populum Romanum nunc nostras manus intueri.Nam cogitate, milites, qualis nostra vis virtusque fuerit, talem deinde fortunam Urbis ac Romani imperii futuram esse."

Scipione, prima di condurre il proprio esercito in battaglia, tenne il seguente discorso di fronte ai suoi soldati: "Sono da dire poche cose al nuovo generale vicino ai suoi nuovi soldati. In questo momento voi contro di loro, o soldati, dovete combattere, voi li vinceste in mare e in terra in una guerra precedente, dai quali per vent'anni esigeste un tributo. State per combattere contro quegli stessi cavalieri, contro quegli stessi fanti. Però ora voi non dovete lottare tanto per l'onore, ma per la vita. Non per il controllo della Sicilia e della Sardegna,ma dovete combattere per la stessa Italia. Non c'è un altro esercito alle nostre spalle che possa porre resistenza al nemico se noi perdessimo.Perciò bisogna combattere come se combattessimo davanti alle mura di Roma.Ciascuno pensi che non protegge il proprio corpo con le armi,ma la moglie e i figli piccoli; ne sono da considerare i problemi della propria casa, ma dobbiamo pensare che il senato e tutto il popolo romano guardano le nostre mani con ammirazione. Infatti riflettete, o soldati, quale sarà  la sorte dell'Urbe e dell'impero tale quale sarà  la nostra forza e virtù."
« Ultima modifica: 10 Settembre 2008, 12:15:17 da seneca » Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.4 | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!